Lo stress cronico fa male ai tuoi microbi intestinali

Lo stress cronico fa male ai tuoi microbi intestinali

Lo stress psicosociale è noto da tempo per colpire l'intestino così come i suoi residenti microbici. Più di 10 anni di ricerca su roditori, scimmie e soggetti umani hanno dimostrato che anche uno stress mite può ridurre transitoriamente l'abbondanza di alcuni tipi di microbi, compresi i lattobacilli nelle feci degli animali.

Nei modelli di stress cronico, è stato dimostrato che questa diminuzione dei lattobacilli interferisce con il metabolismo del triptofano, un aminoacido importante e un precursore della serotonina. La serotonina non è solo essenziale per la salute dell'intestino, ma svolge anche un ruolo importante nell'umore, nella sensibilità al dolore, nel sonno e in altre funzioni vitali. Invece di metabolizzare il triptofano alla serotonina benefica, la diminuzione indotta dallo stress nel triptofano dei lattobacilli viene metabolizzata in una molecola chiamata kynurenine, che svolge un ruolo nei cambiamenti infiammatori e degenerativi del sistema nervoso. Anche lo stress prenatale in topi gravidi è stato dimostrato non solo per influenzare i microbi intestinali della madre, ma anche il microbioma intestinale della prole.

In che modo lo stress influenza l'abbondanza e la funzionalità microbica dell'intestino? Per uno, lo stress attraverso il suo effetto sul sistema nervoso autonomo può cambiare le contrazioni dell'intestino, il transito e la secrezione di muco e liquidi. Più sorprendente, lo stress può anche avere più effetti diretti sul comportamento microbico, modificando l'espressione dei cosiddetti geni di virulenza che portano ad alcuni microbi più ostili verso il loro ospite. Questo effetto di stress diretto è mediato dall'ormone dello stress norepinefrina, che non solo viene rilasciato nel flusso sanguigno durante una situazione stressante, ma anche da perdite nell'intestino e si lega ai recettori specializzati sui microbi intestinali.

I risultati di Patrick et. al. che i simili cambiamenti microbici intestinali si verificano in entrambi i "vincitori e vinti" di un conflitto è in qualche modo sorprendente. Tuttavia, è possibile che esistessero differenze nei metaboliti prodotti da questi microbi stressati, che sono il linguaggio usato dai microbi per comunicare con l'ospite.

E ricorda che questi studi sono stati eseguiti su roditori; estrapolando i risultati a comportamenti umani dovrebbe sempre essere fatto con cautela.

Riferimenti:

"Gli scienziati trovano che lo stress sociale cambia i batteri dell'intestino" | Neuroscienze Notizie e ricerca

"Lo stress sociale porta a cambiamenti nei batteri intestinali, lo studio dello stato della Georgia trova" | Hub delle notizie della Georgia State University

"L'esposizione acuta e ripetuta allo stress sociale riduce la diversità del microbiota intestinale nei criceti siriani" | Ricerca sul cervello comportamentale